Presepe in chiesa e Gruppi della Parola

Il cielo in una stalla

 

Anche quest’anno, a Natale, vediamo in un angolo della nostra chiesa, il presepio.

Nato dalla fede, predisposto per tempo nei suoi particolari, appare ora in tutta la sua interezza. Quest’anno s’è voluto ritornare al passato, rappresentare l’ambiente palestinese in cui è nato Gesù. 

 

Abbiamo dinanzi l’immagine di una Betlemme ricca e per nulla disposta ad accogliere o aprire le porte ai due viandanti che rimasti soli s’allontanano verso l’aperta campagna alla ricerca di un rifugio. Maria e Giuseppe seguendo i sentieri battuti raggiungono in quella notte umida e oscura una capanna. Sono immersi nel buio e il silenzio li avvolge.

In questo scenario di povera ospitalità c’è nel loro cuore un’attesa meravigliosa e francescana. Più lontano, invece, sulle colline intorno, chiusi nelle loro modeste tende

dormono i pastori.

 

All’improvviso si destano dal sonno al canto gioioso degli angeli. Questo annuncio dà loro la certezza che è nato il Messia. Così escono lenti dai loro umidi giacigli e assieme ai loro greggi belanti si avviano seguendo la stella. Sono essi, gli umili pastori, uomini semplici, a cogliere il vagito di quel bimbo tanto atteso.

 

Così, quest’anno abbiamo voluto rappresentare il presepio che nella sua semplicità richiama quella notte santa: un presepio nuovo, primitivo che fa trasparire l’idea

che ciascuno si è fatta del Natale. Anche noi che siamo qui davanti al nostro lavoro appena terminato, abbiamo chiuso gli occhi per qualche istante e ci è parso di vedere

un cielo punteggiato di stelle ma una e soltanto una scendere dall’alto per raggiungere la capanna riempiendola di luce. 

 

Fernanda Marinello

 

 

 

GRUPPI DELLA PAROLA

 

Anche quest’anno, durante l’Avvento e poi in Quaresima, continueremo la positiva esperienza fatta negli anni scorsi. In quattro luoghi della parrocchia ci riuniremo ogni

settimana per un’ora e mezza circa a riflettere e meditare la Parola di Dio che ci verrà proposta dalle letture della domenica seguente. Cinque animatori si sono offerti di condurre i gruppi; prima si incontreranno con il Parroco che offrirà alcuni stimoli ed eventuali chiarimenti sulle letture che poi saranno oggetto di riflessione nei gruppi. L’obiettivo che ci proponiamo è che sempre più persone si confrontino con la Parola di Dio e che poi offrano anche qualche stimolo o riflessione sotto forma di preghiera dei fedeli nell’Eucaristia domenicale e ciò a beneficio di tutta la comunità. Invitiamo quindi quante più persone possibili a partecipare ai gruppi.